Pochi possono eguagliare le qualità uniche dei ritratti di Egon Schiele, sebbene la sua carriera abbia coperto anche molti altri generi. Ci sono chiare somiglianze tra i ritratti e i paesaggi di Schiele e quelli di Gustav Klimt , anche se il primo non usava la stessa stravaganza della pittura a foglia d'oro del suo maestro. Detto questo, il colore era ancora parte integrante di Schiele che creava il suo stile modernista, con i suoi dipinti vagamente diffusi tra movimenti artistici come la Secessione viennese e gli ombrelli più generali dell'espressionismo e del simbolismo. Mentre si sfoglia il catalogo delle opere che si trova qui, è evidente la convergenza tra il lavoro di Schiele e gli altri membri della Secessione viennese, sebbene tutti mantenessero ancora un certo livello di autonomia nel loro stile.

Schiele è visto da molti come uno dei primi artisti espressionisti, essenzialmente prendendo parte della genialità tecnica del maestro Klimt e aggiungendo la propria immaginazione e il pensiero profondo. Si può immediatamente individuare questo artista come dotato di una personalità complessa, qualcosa che è andato di pari passo con la sua opera di carriera. Si è concentrato soprattutto sui ritratti e sugli autoritratti, molti dei quali ci hanno aiutato a capire come l'artista vedeva se stesso e gli altri. Il suo personaggio era appassionato e instabile, una specie di stereotipo per artisti famosi, ma del tutto vero in questo caso. Mentre esamini i suoi dipinti di seguito, noterai una chiara coerenza stilistica su tutta l'ampiezza del lavoro, forse ricordandoci come la sua breve carriera non gli abbia dato abbastanza tempo per sperimentare nuove idee e tecniche.

Detto questo, per quanto buoni fossero i dipinti di paesaggi, Schiele rimarrà sempre famoso per il suo stile figurativo che presentava forme del corpo contorte che trasmettevano la massima emozione dai suoi modelli. A volte allungava anche parti del corpo, il che ricorderà alcune delle opere di El Greco, di molti secoli prima. Un altro elemento distintivo del suo approccio è stato l'uso di linee audaci e scure che delimitavano la forma in modo molto aggressivo. Quindi spesso lasciava il resto del ritratto relativamente semplice, concentrandosi sulle espressioni facciali e sugli arti posti con cura. Era quasi come un fotografo che dirige il suo modello in posizioni personalizzate che disegnano ogni sorta di immagini diverse che altri non sarebbero stati in grado di creare. Avendo ottenuto così tanto.